Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1032. Un’istoria vera

 

Morto Tufò d’una stoccata presa
sur canton de le Stalle de Corzini,1


e Bbasville ar trapasso de l’Impresa,2
d’un tajjo de rasore a li destini;3

 

la setta de francesi ggiacubbini,
pijjannose4 ste morte pe un’offesa,
spidí a Rroma una truppa d’assassini
a llegà Bbraschi er capo de la Cchiesa.

 

Doppo incirc’a ddiescianni, Napujjone
mannò a ffà la scalata a Cchiaramonti,
perché nnun era un Papa framasone.

 

E, ppe ffà er terzo, li carbonari
vorebbeno vienissene5 ónti ónti6
ppizzicasse7 Papa Cappellari;

 

quanti 8 ccari!
Nun dubbità pperò cche stanno freschi;
e in Itajja sce 9 bboni Todeschi.

 

27 novembre 1833

 




1 Vicolo cieco che si apre alla destra del Palazzo Corsini, già Riario, in Via della Lungara, nella regione transtiberina. In questo Palazzo si teneva da Giuseppe Bonaparte il club repubblicano.

2 La Impresa de’ Lotti.

3 Agl’intestini.

4 Pigliandosi.

5 Venirsene.

6 Indifferenti indifferenti.

7 Pizzicarsi: beccarsi.

8 Quanto sono.

9 Ci sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License