Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1034. Cose antiche

 

Propio bbisoggna cc’all’Angeletto,
ar Moro, ar Gallo, e in quarcantra ostaria
m’abbino bbattezzato1 pena spia
che ttiè oggni cosa ariservat’in petto.

 

Che ccosa m’ho da intenne2 io si3 er Messía
è nnato prima o ddoppo de Maometto,
oppuro de Mosè? Vvadino in Ghetto
a ffà ste sciarle: vadino in Turchia.

 

4 impicci da sbrojjà ddoppo tant’anni?
L’omo nun ssapé cche cquer c’ha vvisto:
ma eh? nun dico bbene, sor Giuvanni?

 

Prima o ddoppo, cchi vvòi che jje n’importi?
Bbasta, o Mmosè, o Mmaometto, o Ggesucristo,
quello ch’è ccerto è cche ssò ttutti morti.

 

30 novembre 1833

 




1 «Giudicato, ritenuto», e simili.

2 Intendere.

3 Se.

4 Sono.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License