Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1035. La vedova der zor Girolimo

 

È vvero ch’er marito era un gran brutto
vecchio bbavoso, ma ttratanto Ghita1


ddí2 cch’è nnata carzata e vvistita,3
e a sposallo scià ttrovo4 er zucostrutto.5

 

Eh, mmica ggnente! l’ha llassata in vita
donna e Mmadonna espotica6 de tutto,
padrona de godesse7 er lusufrutto
dell’asso,8 de l’entrata e dde l’usscita.

 

Ôh, in quant’ar capitale, er morto ha ddetto
c’ha da rimane9 in testa a la cratura10
che mmó ha dduanni, e ppropio è un bel racchietto.11

 

Si12 è ppoi fijjo de lui vattel’a ppesca.13
Perantro ha la medema incornatura14
tutta der zor Girolimo requiesca.

 

30 novembre 1833

 




1 Margherita.

2 Può dire.

3 Di esser nata fortunata.

4 Ci ha trovato.

5 Il suo vantaggio.

6 Dispotica.

7 Godersi.

8 Dell’asse.

9 Rimanere.

10 Creatura.

11 Fanciulletto.

12 Se.

13 Vattelo a pescare.

14 La medesima indole di fisionomia.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License