Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1037. Le bbagarine1

 

Te se infrascicate?2 Ôh adesso sbuffa.
È ccalata la piazza?3 Ôh mmó bbarbotta.4
Che tte discevo? Le fruttajje in grotta
tanto la va5 mma ppoi fanno la muffa.

 

Mica c’abbi da la robba auffa,6
ma cquanno te sce scappa la paggnotta7
da’ mmano e sbarza via: nun èsse jjotta.8
Nun venni, e vvòabbuscà?!9 cquanto sei bbuffa!

 

Li negozzi 10 bbestie de ducode.
Una te ffà rricca: una te frega.11 Ecco perché cchi sse contenta gode.12

 

Sai che mme canta sempre mi’ marito?
«A invecchià ttroppo er fonno de bbottega
sce s’arimette13 poi nicch’e ppartito».14

 

2 dicembre 1833

 




1 Le bagherine. Bagherini: rivenditori e monopolisti specialmente di commestibili.

2 Ti si sono infradiciate?

3 Calare la pizza, vale: «abbassarsi il prezzo dei generi».

4 Borbotta.

5 A lungo può andare.

6 Gratis. Vedi la n... del Son....

7 Quando puoi trarne un discreto lucro.

8 Non esser ghiotta.

9 Non vendi, e vuoi guadagnare?

10 Sono.

11 Ti rovina.

12 Proverbio.

13 Ci si rimette.

14 Nicch’e ppartito; l’unguento e le pezze, e simili, cioè: «i lucri ed il capitale».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License