Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1039. La puttana protetta

 

Ma Mmonziggnore, quanno un padre affritto1


chiede ggiustizzia in pubbrico palazzo,
nun arrivo a ccapí ssi2 ccon che ddritto
s’abbi da merità ttanto strapazzo.

 

Viè una scrofa3 e ccaluggna er mi’ regazzo,
e io, povero padre, ho dda stà zzitto
perché nnun mostro er corpo der dilitto?
Cosa averebbe4 da mostrajje? er cazzo?

 

Lei l’ha impestato, eppoi, bbrutta marmotta,
je s’ha da crede,5 Iddio la bbenedichi,
ch’è stato er fijjo mio che jje l’ha rrotta!

 

Ôh, Mmonziggnore, cche jje la dichi?
me maravijjo assai c’a ’na miggnotta
li prelati je faccino l’amichi.

 

6 gennaio 1834

 




1 Afflitto.

2 Se.

3 Viene una bagascia.

4 Avrei.

5 Le s’ha da credere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License