Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1057. Er madrimonio sicuro

 

Tu nun capisco indov’abbi la testa.
Hai tanta fernesia1 de fatte2 sposa,
e nun zai che cqui a Rroma nun c’è ccosa
che ssii cosa piú ffascile de questa.

 

Vòi marito? E tu àrzete3 la vesta,
pijjete in corpo una zeppa-bbrodosa,4
eppoi va’ ddar Curato, e ddijje,5 Rosa:
«Padre, ajjutate una zitella onesta».

 

Er prete te dirà: «Cche ccos’è stato?».
Tu allora piaggne,6 e ddijje: «Un traditore
de l’innoscenza mia m’ha ingravidato».

 

E cqui accusa qualunque che tte cricca;7
ma abbada,8 pe rriusscínne9 con onore,
d’accusà ssempre una perzona ricca.

 

14 gennaio 1834

 




1 Frenesia.

2 Di farti.

3 Alzati.

4 Vedine il significato nel Son…

5 Digli.

6 Piagni.

7 Qualunque ti cricca: qualunque tu voglia.

8 Bada.

9 Riescirne.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License