Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1061. Er proscessato

 

Sor avocato mio, er punto forte
c’ariccomanno1 a vvoi quanto so e pposso,
è de spuntà2 cche nun me vienghi addosso
quella puttana de condanna a mmorte.

 

Perché, ppotenno3 avé lla bbella sorte
d’annà in galerra e dde sartà cquer fosso,4
c’è ssempre poi quarche zzucchetto rosso5
che in galerra che ssei t’opri6 le porte.

 

E ssi mmai7 pe ffà spalla8 a la difesa
bbisognassi9 er zoccorzo d’una vesta,
spennete puro10 la mi’ mojje Aggnesa.

 

Ch’io ssicuro ggià ccher zu11 demonio
nun je vojji12 caccià scrupoli in testa
de nun difenne13 er zanto madrimonio.

 

16 gennaio 1834

 




1 Che raccomando.

2 Di ottenere con ogni sforzo.

3 Potendo.

4 Saltare quel fosso: superare quel pericolo.

5 Qualche cardinale.

6 Ti apra.

7 E se mai.

8 Per aiutare la, ecc.

9 Bisognasse.

10 Spendete pure, impiegate pure.

11 Che il suo.

12 Non (gli) le voglia.

13 Di non difendere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License