Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1071. La casa scummunicata1

 

No, nno, cce n’ho d’avanzo de le pene
de sta bbrutta casaccia mmaledetta,
che da 2 cche ce sto, ccredeme,3 Bbetta,4
io nun ho avuto ppiú un’ora de bbene.

 

Cqua cciò5 abbortito: cqua cciò perzo6 Irene:
cqua cciò impeggnato inzino la cassetta:7
cqua mmimarito pe un fraudo8 a Rripetta9
me l’hanno messo a spasseggià in catene.

 

Cqua inzomma te so ddí, ccommare mia,
credessi d’annà ssotto ar Colonnato
de San Pietro, tant’è, vvojjo annà vvia.10

 

Ché ar meno llà nnun ce sarà un curato,
c’a ’ggni pelo che ffate d’alegria
ve viè a mmette11 in ner culo ch’è ppeccato.

 

5 marzo 1834

 




1 Disgraziata.

2 Da quando.

3 Credimi.

4 Elisabetta.

5 Ci ho.

6 Perduto.

7 Il cesso, con riverenza parlando.

8 Frodo.

9 Porto del Tevere.

10 Il genio della sintassi di questo terzetto va bene osservato.

11 Mettere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License