Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1073. Er decane1 der cardinale

 

A infirzà2 cquattro sciarle pe ffà un laggno
contr’a cchi è ppiú de noi, nun ce ggnente.
Se disce presto: lui maggna, io nun maggno:
ccanzoncine che sse sanno a mmente.

 

Nun dubbità, ffarebbe un ber guadaggno
Su’ Eminenza a ssentí ttutta la ggente,
che, cchi bbatte pe ssé cchi pper compaggno,
tutti sciànno3 da cquarcaccidente.4

 

Leva l’ora der pranzo e dde la scena,5
l’ora de la trottata e dde la messa,
la predica, l’uffizzio, la novena,

 

concistori, cappelle, pinitenze,
e cquarche vvisituccia a la bbadessa;
che ttempo ha da restà ppe ddà l’udienze?

 

8 marzo 1834

 




1 Il decano, de’ servitori.

2 Infilzare.

3 Ci hanno.

4 Si è detto altrove il vocabolo accidente suonare, in bocca romanesca, sinonimo di molti e molti vocaboli, non senza compartecipazione della idea di apoplessia, che è sempre ed ovunque ed a tutti augurata dai nostri buoni popolani con la massima cordialità.

5 Cena.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License