Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1075. Li miracoli de li quadrini

 

Chi ha cquadrini è una scima de dottore,
senza manco sapé scrivellègge:1


sparà indove rròtti e scorregge,
e ggnisuno da lui sente er rimore.2

 

avé in culo li ggiudisci, la Lègge,
l’occhio der Monno, la vertú, e l’onore:
ffà mmagaraddio,3 lo sgrassatore,
e ’r Governo sta zzitto e lo protegge.

 

ingravidà oggni donna a-la-sicura,
perché er Papa a l’udienza der Giardino4
je bbenedisce poi panza e ccratura.

 

Nun c’è ssoverchiaria, nun c’è rripicco,
che nun passi coll’arma der zecchino.
Viva la faccia de quann’-uno-è-rricco!

 

11 marzo 1834

 




1 Scrivereleggere.

2 Romore.

3 Magari.

4 Il Papa riceve le donne in giardino.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License