Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1077. Li guai1

 

Oh cche jjoja!2 A cquestora è un tre o quattr’anni
che ppe ttutte le cchiese e llostarie
io nun zentantro3 co storecchie mie
che ppiaggner morto4 e ppredicà5 mmalanni.

 

Bbe’? cch’è ssuccesso? Indove sti danni,
ste ruvine, sti guai, ste caristie?
Tutte maliggnità, ttutte bbuscíe,6
tutte invenzione, spavuracchi e inganni.

 

Sino ch’er Papa va in villeggiatura,
e sta (Ddio je l’accreschi) alegramente,
se ppuro dormí7 ssenza pavura.

 

Caso contrario, lui ch’è un omo-fatto,
timorato de Ddio, dotto e pprudente,
sparaggnerebbe e nnun farebbe er matto.

 

12 marzo 1834

 




1 Guai, nel senso di «sventure».

2 Joia: petulante e noiosa cantilena.

3 Non sento altro.

4 Querelarsi.

5 Predire.

6 Bugie.

7 Si può pure dormire, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License