Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1080. L’incerti de Palazzo

 

Ggià cche ssete1 ar proposito, sor Marco,
de tutte le storzione2 e mmaggnerie
che cqui sse3 fanno in delle sagrestie
a ttitolo de cortra e ccatafarco;

 

sentitene un’antra4 de le mie.
Jeri un Conte, ch’è pprimo Maniscarco5
in de la Corte d’un gran Re Mmonarco,
annò6 ddar Papa co ddubbrutte zzie.

 

Come v’ho ddetto, sto sor Conte aggnede,7
e llui co le su’ zzie sazziorno l’occhi
addossar Papa e jje bbasciorno er piede.

 

Tornato a ccasa, un scopator zegreto8
je portò un conto de sei bbelli ggnocchi9
a ttitolo de logro10 de tappeto.11

 

13 marzo 1834

 




1 Siete.

2 Estorsioni.

3 Si.

4 Altra.

5 Maniscalco, invece di «scalco».

6 Andò.

7 Andò.

8 Gli scopatori-segreti sono i servi del papa.

9 Scudi.

10 Consumo.

11 Questa tariffa esiste realmente fra le propine delle cosí-dette Cinque famiglie. L’attuale pontefice Gregorio xvi dicesi che ne mediti l’abolizione e cosí dar gratis il Piede SS.mo alla divozione de’ baciatori. Le cinque famiglie dianzi nominate sono distinte in: 1a. Anticamera e sala pontificia. 2a. Sala di M.r Maggior duomo. 3a. Sala di M.r Uditore SS.mo. 4a. Sala di M.r Maestro di Camera. 5a. Sala del Segretario de’ Brevi. Nell’inverno 1833-1834, le mance delle cinque famiglie superarono gli scudi 15.000. Interessante articolo di romana statistica!

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License