Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1082. Er ginocchiatterra

 

È ggiusto, dichi tu? ggiusto la luna!1


Ma ccome! ar Papa tre ggenufressione,
e ar Zagramento poi, ch’è er zupadrone,
su l’artâre e nno jje ne fann’una!

 

Sai tu er Papa qual è la su’ furtuna?
c’a sto Monno io un povero cojjone;
ché stassi2 a mmé a ddà er zanto3 a le perzone,
lui de le tre nnun n’avería ggnisuna.

 

Disce: «Nun è ppe mmé, mma pper carattere».
Ah, llantrommini dunque e llantre donne
ttutti appett’a llui sguatteri e sguattere?

 

Quanno porta sta scusa bbuggiarossa,4
forzi nun za cche jje se arisponne5
che un Papa è ccom’e nnoi de carn’e ddossa.

 

14 marzo 1834

 




1 Giusto niente affatto.

2 Stasse.

3 Dare il santo: le mot d’ordre.

4 Buggerona (con perdono): ridicola.

5 Forse non sa che gli si può rispondere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License