Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1097. La chiacchierona

 

Ma io voría1 sapé sta sciarlatana
che2 ppormoni se tiè ddrentar budello,
e cchi è stata la porca de mammana
che cquanno nacque je tajjò er filello.3

 

Nun è ita a ddí in pubbrica funtana
c’a mmé nnun me s’addrizza ppiú l’uscello?!
che mmimbrïaca una fujjetta sana?!
ch’io nun bbono a mmaneggià er cortello?!

 

Lassela capità sott’a cquestuggne,4
e lo sentirà llei, per dio sagrato,
che cce s’abbusca5 a ffrabbicà6 ccaluggne.

 

No,7 la rabbiaccia che mme passa er core
ecco qual è: cche llei m’abbi toccato
in ner debbole mio ch’è ssu l’onore.

 

16 marzo 1834

 




1 Vorrei.

2 Che razza di, ecc.

3 Il «filetto» o «Scilinguagnolo».

4 Ugne ed ogne, per «unghie».

5 Cosa ci si busca.

6 Fabbricare.

7 No, cioè «null’altro».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License