Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1100. La mojje disperata1

 

Di’, animaccia de turco: di’, vvassallo:
di’, ccoraccio d’arpía, testa de matto:
nun t’abbasta no er male che mm’hai fatto,
che mme vòi strascinà ppropio a lo spallo?!2

 

Arzà le mano a mmé!?3 ddiavolo fàllo!4
pròvesce un po’, cche ddo de mano a un piatto
e ccom’è vvero Cristo te lo sbatto
su cquela fronte che cciài fatto er callo.5

 

Nun vòi ppane a mmé, bbrutto caroggno?
Portelo ar meno a stanime innoscente
che spireno de freddo e dde bbisoggno.

 

Tira avanti accusí: ffalle ppiú bbrutte.
Dio nun paga oggni sabbito,6 Cremente;
ma ppoi viè cquella che le sconta tutte.

 

16 marzo 1834

 




1 I seguenti versi debbono declamarsi con veemenza d’ira e di pianto.

2 Metafora presa dal giuoco delle carte, e vale: trapassare il giusto segno.

3 Alzare le mani su me!

4 Diavol che tu il faccia!

5 Che ci hai fatto il callo: che hai incallita nella impudenza.

6 Dio non paga ogni sabato. Proverbio.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License