Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1101. Er negozziante fallito

 

Scusi, siggnore: lei ch’è ttanto ricco,
sappi1 ch’io 2 un mercante de salume,
che ttutto er mio se n’è sparito in fume
pe un naviscello che mm’è annato a ppicco.

 

Ho una fame, ho, cche nun ce vedo lume;
e ttanto ha da finí ggià cche mme ficco
quarcarma in gola, e, bbugiarà,3 mmimpicco,
ch’io in proscinto de bbuttamme4 a ffiume.

 

Speravo in Dio che cquarche ccreditore
ar meno me mettessi5 carcerato:
ggnente: nun c’è ppiú ccarità, ssiggnore.

 

Ma ddunque un omo ha da morí affamato
a ’ggni modo, o ppe fforza o pper amore,
senz’avecce6ccorpa7ppeccato?

 

16 marzo 1834

 




1 Sappia.

2 Sono.

3 Alla malora.

4 Buttarmi.

5 Mi mettesse.

6 Averci.

7 Colpa.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License