Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1113. Er Prelato de bbona grazzia

 

Ciò1 er momoriale che mme fu arimesso
dar Zanto-Padre a mmonziggnor Ciafrella?2
Bbe’, jjeri m’incontrai propio in lui stesso
sott’a la casa de Maria Fichella.

 

Subbito curro e mme je faccio appresso.
Dico: «Eccellenza, io 3 cquer tar Panzella
che vorebbe sapé ccos’è ssuccesso
de quela grazzia si ppotessi avella».4

 

Lui prima me squadrò cco l’occhialino;
eppoi co ccerti termini sguajati
m’arispose: «Lei vadi ar zucammino».

 

E io: «Saette a ttutti li prelati,
monziggnore mio caro, e mme jinchino:
mejjo soli che mmal accompaggnati».

 

22 marzo 1834

 




1 Ci ho: ho.

2 Ciabatta.

3 Sono.

4 Se potessi averla.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License