Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1121. Er mercato de piazza Navona

 

Ch’er mercordí a mmercato, ggente mie,
sce siino ferravecchi e scatolari,
rigattieri, spazzini,1 bbicchierari,
stracciaroli e ttantantre marcanzie,

 

nun c’è ggnente da . Ma ste scanzìe
da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,
che cce vienghen’a ffà? ccosa scimpari
da tanti libbri e ttante libbrarie?

 

Tu ppijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo
che ll’hai tienuto pe cquarcora in mano,
dimme2 s’hai fame o ss’hai maggnato troppo.

 

Che ppredicava a la Missione er prete?
«Li libbri nun rrobba da cristiano:
fijji, pe ccarità, nnu li leggete».

 

20 marzo 1834

 




1 Venditori di minuti oggetti, per lo più pertinenti al vestiario muliebre, od a’ loro lavori.

2 Dimmi.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License