Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1123. Er carzolaro

 

Antro1 che nnobbirtà! Cchiunque guitto
cqui ha mmess’a pparte un po’ de bbajocchella,2
subbito, aló, carrozz’e ccarrettella,
e a la ppiú ppeggio la pijja in affitto.

 

Tre ggiorni Papa io, dio serenella!3
te je vorrebbe appiccicà un editto
che in ner papato mio fussi dilitto
reo de morte l’annà ppuro in barella.

 

Cristo le scianche4 ve l’ha ffatte rotte?
Marceno5 in grabbiolè6 llantranimali?
Camminate da voi, bbrutte marmotte.

 

L’ommini, o ricchi o nnò, ssò ttutti uguali:
dunque a ppiede, fijjacci de miggnotte,7
e llograte le scarpe e li stivali.

 

21 marzo 1834

 




1 Altro.

2 Denari.

3 Esclamazione insignificante.

4 Cianche, per gambe.

5 Marciano.

6 Cabriolet.

7 Bagasce.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License