Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1127. Er fico fresco

 

Ggirava un viggnarolo oggi a mmercato
co un fico fresco in mano. «Ohé», jj’ho ddetto,
dico: «quanto ne vòi?». Disce: «Un papetto».1


Dico: «Un papetto solo?! È arigalato».2

 

Quattro lustrini3 un fico, si’ bbrusciato!
duggiuli un fico, ladro mmaledetto!
Eh cquanno abbi lui vojja d’un fichetto,4
je lo do auffa5 io ppiú a bbommercato.

Eppuro6 sce s’è ttrovo7 llí un zomaro
che mme sfrusciava:8 «Oh, nnun è ccaro mica:
uh, in sta staggione nun è ggnente caro».

 

Io lo capisco che cce ffatica
pe ttrovà un fico fresco de ggennaro;
ma cco un papetto ciài puro una fica.

 

22 marzo 1834

 




1 Papetto: moneta d’argento da due paoli.

2 È regalato.

3 Quattro lustrini: quattro grossi: due paoli.

4 Fichetto: scherzo che si fa altrui prendendogli il mento fra il pollice e il medio, e premendogli intanto le labbra con l’indice.

5 A ufo. Vedi la nota... del Sonetto...

6 Eppure.

7 Ci si è trovato.

8 Mi annoiava.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License