Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1132. Li rimedi simpatichi

 

L’occhio è un coso de carne che cce vede,
quanno sc’è er lume, e sta ddrent’a ’na fossa.
Ecco spiegato quer che tte succede
pe sta frussione tua che tte s’è smossa.1

 

vvenímo ar rimedio ch’è dde fede.
Tu appiccíchete2 un pezzo d’ostia rossa
sopr’a le tempia; e cquesto nun pòi crede3
come tira l’umore ch’è in dell’ossa.

 

Si ppoi fussi4 orzarolo5 e nnò ffrussione,
se cusce l’occhio: ciovè,6 nun ze cusce,
ma sse disce pe un modo d’aspressione.7

 

Abbasta de pijjà llaco infilato
e ffiggne8 de cuscí, tte s’aridusce9
l’orzarolo10 che ssubbito è ppassato.

 

23 marzo 1834

 




1 Ti si è suscitata.

2 Appíccicati.

3 Non puoi credere.

4 Se poi fosse.

5 Orzaiuolo, detto anche orzuolo.

6 Cioè.

7 Espressione.

8 Fingere.

9 Ti si riduce.

10 Sottintendi qui: ad un punto: ad un punto che, ecc.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License