Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1141. La fanga1 de Roma

 

Questa? eh nnemmanco è ffanga. Pe vvedella
s’ha d’annà2 a li sterrati a ppiazza Poli
indovabbito io; ché ssi3 nun voli
ce trapassi in barchetta o in carrettella.

 

Ce fussi armeno un po’ de serciatella
attornattorno, quattro serci soli,
da mette er piede e annà ssott’a li scoli
de le gronnàre!4 ma nemmanco quella.

 

Pe rricrami5 ne fàmo6 oggni tantino;
e allora ècchete7 dua cor un treppiede
un cannello coll’acqua e un occhialino.

 

E a sti scannajji8 tu cce pijji fede:
ebbè, 9 ggià ddiescianni cor cudino10
e la serciata ancora nun ze vede.

 

28 marzo 1834

 




1 Fango.

2 Andare.

3 Se.

4 Grondaie.

5 Reclami.

6 Facciamo.

7 Eccoti.

8 Scandagli.

9 Sono.

10 Dieci anni con una appendice.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License