Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1143. Er copre-e-scopre

 

Sor don Tobbía, ma cche vvor che cquanno
entra la sittimana de Passione
voantri1 preti fate sta funzione
d’aricoprí le crosce cor un panno?

 

Tenete Ggesucristo tutto l’anno
sopr’a cquer zanto leggno a ppennolone,2
e mmó che ssaría frutto de staggione
ve sciannate3 a ppijjà ttutto staffanno?

 

Si Ggesucristo more, poverello,
che ccentra quelo straccio pavonazzo
che jje sce fate a nnisconnarello?

 

Zitto, nun ho bbisoggno de sapello.
Questo vor cche nun avete un cazzo
da penzà, ppreti mii, for c’ar budello.

 

29 marzo 1834

 

 




1 Voi altri.

2 A pendolone: penzoloni.

3 Vi ci andate.




Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License