Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

Vol.

 

 

 

 

1144. Le funzione de la sittimana-santa

 

Io sempre avevo inteso predicà
ccher Ziggnore era morto un venardí,
e cche ddoppo tre ggiorni che mmorí
vorze1 a ccommido suo risusscità.

 

Com’è stistoria? E adesso vedo cqua
schiaffallo2 in zepportura er giuveddí,
e ’r giorn’appresso lo vedo ariarzà3
sopr’a la crosce e aripiantallo4 llí!

 

E ’r zabbit5 a mmatina, animo, :
s’arileva6 a l’artari er zabbijjè,7
se canta er Grolia,8 e nnun ze piaggne ppiú.

 

Queste ttutte bbuggere c’a mmé
me pareno resíe,9 perché o nun fu
ccome se disce, o ss’ha da ccom’è.

 

29 marzo 1834

 




1 Volle.

2 Cacciarlo.

3 Rialzare.

4 Ripiantarlo.

5 Sabato.

6 Si rileva.

7 Il déshabillé.

8 Gloria.

9 Eresie.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License