Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1146. L’indurgenze liticate

 

Quanto a le carte poi de l’indurgenza
ch’er Papa fa bbuttà ggiú ddar loggione,1


trattannose d’affar de riliggione
nun ce un cazzo tanta conveggnenza.

 

Saría bbella che ddoppo la pascenza2
d’aspettà un’or’e ppiú ssu lo scalone,3
quanno poi viè4 vvolanno er cedolone
s’avessi d’acchiappà cco la prudenza!

 

Chi ppijja pijja: e llí vvedi er cristiano:
sse scopre chi ha ffede e cchi ha rrispetto
pe le sante indurgenze der zovrano.

 

Io so cc’a fforza de cazzott’in petto
e ddèsse,5 grazziaddio, lesto de mano,
sempre ne porto via quarche ppezzetto.

 

aprile 1834

 




1 Dopo la benedizione papale.

2 Pazienza.

3 Lo scalone di S. Pietro o di S. Giovanni.

4 Viene.

5 Essere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License