Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1147. Er Ziggnore e Ccaino

 

«Caino! indov’è Abbele?». E cquello muto.
«Caino! indov’è Abbele?». Allora quello:
«Sete curioso voi! chi ll’ha veduto?
Che! ssò1 er pedante io de mi’ fratello

 

«Te lo dirò ddunqu’io, bbaron futtuto:
sta a ffà tterra pe ccesci:2 ecco indovèllo.3
L’hai cuscinato4 ccor tu’ cortello
quann’io nun c’ero che jje dassi ajjuto.

 

Lèvemete5 davanti ar mi’ cospetto:
curre per grobbo6 quant’è llargo e ttonno,
pozzèsse7 mille vorte mmaledetto!

 

E ddoppo avé ggirato a una a una
tutte le strade e le scittà dder monno,
va’, ccristianaccio, a ppiaggne8 in de la luna».9

 

2 aprile 1834

 




1 Sono.

2 Andare a far terra per ceci: stare a far terra per ceci: morire; esser morto.

3 Dove egli è.

4 Cucinato: spacciato.

5 Lèvamiti.

6 Globo.

7 Possa tu essere.

8 Piagnere.

9 Non v’ha buona madre, che non mostri a’ figliuoli la luna piena, dicendo loro: «Vedi, figlio, quella faccia? È Caino che piange».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License