Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1148. Er ziconno1 peccato

 

Ch’er zor Caino doppo er fatto d’Eva
ammazzassi2 quer povero innoscente,
fin qui nnun c’è dda repricacce3 ggnente:
questo è un quattr’e cquattr’otto, e sse sapeva.

 

La gran difficortà cch’io tiengo in mente
e cche ggnisuno ancora me la leva,
è ccome mai Caino conossceva
che le bbòtte ammazzassino4 la ggente.

 

Prima de quella su’ bbricconeria
gnissun omo era mai morto ammazzato,
e mmanco morto mai d’ammalatia.

 

Volemo dunque cche ddar peccato
de maggnà un fico pe jjottoneria
er genio d’ammazzà nnaschi imparato?

 

3 aprile 1834

 




1 Secondo.

2 Ammazzasse.

3 Replicarci.

4 Ammazzassero.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License