Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1154. L’ova e ’r zalame

 

A oggni pasqua che vviè,1 ppropio stusanza
pare, che sso... cche mmarieschi2 nova.
Non ze fa ccolazzione e nnun ze pranza
si mmanca er piatto de salame e ddova.

 

Mica parlo per odio a sta pietanza,
ché, ssi3 vvolete, un gusto sce se4 prova;
e, cquanno nun fussantro,5 la freganza6
c’un zalame ddà, ddove se trova?

 

Io dico de l’usanza der custume
de mannà ssempr’a ccoppia ov’e ssalame:
questo è cch’io scerco chi mme dassi7 un lume.

 

Uhm, quarche giro sc’è:8 ssi nnò9 ste Dame
l’averebbeno ggià mmannat10 in fume11 mentre a l’incontro n’hanno sempre fame.

 

4 aprile 1834

 




1 Viene.

2 Mi riesca.

3 Se.

4 Ci si.

5 Quando non fosse altro.

6 Fragranza.

7 Costruzione: Di questo cerco chi mi dasse, ecc.

8 Qualche intrigo c’è.

9 Se no: altrimenti.

10 L’avrebbero già mandato, ecc.

11 Fumo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License