Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1155. L’illuminazzion de la cuppola

 

Tutti li forestieri, oggni nazzione
de qualunque paese che sse sia,
dicheno tutti-quanti: «A ccasa mia
sce se fa ggran bellissime funzione».

 

E nun dico che ddichino bbuscía:
forzi,1 chi ppiú, chi mmeno, hanno raggione.
Ma cchiunque viè a Rroma, in cuncrusione,
mette la coda fra le gamme, e vvia.

 

Chi2 ppopolo èsse,3 e cchi ssovrano,
che cciàbbi4 a ccasa sua ’na cuppoletta
com’er nostro San Pietr’in Vaticano?

 

In qual antra scittà, in qual antro stato
c’è stilluminazzione bbenedetta,
che ttintontissce5 e tte fa pperde6 er fiato?

 

4 aprile 1834

 




1 Forse.

2 Quale.

3 Puo essere.

4 Ci abbia.

5 Ti instupidisce.

6 Ti fa perdere.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License