Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1159. L’impusturerie

 

Io l’ho inzurtato?!1 io j’ho bbevuto er vino?!
io j’ho ddato er coggnome de caroggna?!
pparlà Ffrancatrippa e Ffrittellino
si2 stimpusturerie lui se l’inzoggna.3

 

E llui ammazzà a mmé? propio la roggna
te j’ha ddato de vorta in ner boccino.4
M’ammazzerà ssu la piazza dell’oggna
dov’ammazza li fii der re Ppipino.5

 

Diteje ar zor abbate Tuttibbozzi6
che sse tienghi la lingua tra li denti
e ste sciarle che cqui sse l’aringozzi.7

 

Perché sse ponno ccertaccidenti
c’abbi trovo er zubboja che lo strozzi
lui e le mmerde de li su’ parenti.

 

5 aprile 1834

 




1 Insultato.

2 Se.

3 Se le sogna.

4 Ti gli ha dato volta nel capo.

5 Pipino, capo della dinastia terza di Francia, appartiene talora in Roma ad un’altra dinastia entomologica, che riconosce per capo e per capitale la testa dell’uomo. In breve Pipino è un pidocchio bell’e buono; e per ciò dice il nostro romanesco essere di lui figli ammazzati sulla piazza dell’unghia. E a Roma, ne’ luoghi assolatíi, se ne fa orrida strage.

6 Il soprannome di Tuttibbozzi appartiene a chi sia di struttura deforme e tutta a risalti, o a chi ne abbia toccate tante che ne mostri per la vita le protuberanze. Il sor abate è una applicazione ironica del più bel distintivo del paese.

7 Se le ingozzi di nuovo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License