Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1161. La straportazzione1

 

Ventiscinquanni fa, cche li Francesi
fesceno2 la scalata a Ppapa Pio,
Tata3 piaggneva perché Ttoto4 e io,
siconno lui5 nun ce n’erimo presi.6

 

«Lo so», ddisceva lui, «che dda sei mesi
io nun ho ppane da ar zangue mio;
ma nun sta ppeggio quer zervo de Ddio
in man de quela razza de paesi?».

 

E cchedèreno7 poi sti patimenti?
Nun aveva er zupranzo e la su’ scena,
servitori, carrozze e appartamenti?

 

Ce vorrebbe èsse io8 ccusí strazziato,
da oggni ggiorno la trippaccia piena,
e la sera trovà ttutto pagato.

 

5 aprile 1834

 




1 Trasportazione.

2 Fecero.

3 Mio padre.

4 Antonio.

5 Secondo lui.

6 Non ce n’eravamo afflitti.

7 Che erano: cosa erano, ecc. Vedi la nota del Sonetto...

8 Ci vorrei essere io.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License