Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1167. ’Na resìa1 bbell’e bbona

 

Quarche vvorta la ggente de talento
spaccia cojjonerie ccusí llampante,
mastro Pio mio, che nnoi ggente iggnorante
manco nu le diressimo2 a le scento.3

 

Nun piú cche jjeri a la Rescèli,4 drento
la portaría, fra Ccommido5 er cercante
ne seppe tirà ggiú ttant’e ppoi tante,
da scannalizzà ttutter convento.

 

Tra llantre fotte6 aggnede7 a ddicce,8 aggnede,
che sta canajja che nun crede in Dio
è un’Apostola9 vera de la fede.

 

Dunque chi ha ffatto er Credo, mastro Pio,
sarà adesso quer ch’è cchi nun ce crede!
Poterebbe parlà ppeggio un giudìo?

 

6 aprile 1834

 




1 Una eresia.

2 Diremmo.

3 Cento.

4 Ara-coeli: chiesa e convento di zoccolanti.

5 Fra Comodo.

6 Bestialità.

7 Andò.

8 Dirci.

9 Apostata.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License