Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1169. L’amico de Muccio1

 

Eh, Mmuccio mio, si2 nun ce provi mai,
come vòi ffurtuna in ne l’amore?
Te l’ha da chiede3 lei?! Tu ffàtte4 core,
pròvesce5 co ffranchezza, e vvederai.

 

Ecco, Muccio, er conzijjo ppiú mmijjore
che tte ddà un amico che ttu hai.
Pròvesce: e cche ssarà? Ggià ttu lo sai
che ffra Mmodesto nun fu mmai priore.6

 

Queste 7 ccose che cce ttalento.
In ste sorte d’affari èssi8 contrito
che tutto nassce da capí er momento.

 

La donna? Un zartarello,9 una bbevuta,
un crapiccio, una stizza cor marito,
pìjjel’allora, e tte la do ffuttuta.

 

6 aprile 1834

 




1 Giacomuccio.

2 Se.

3 Chiedere.

4 Fàtti.

5 Provaci.

6 Proverbio.

7 Sono.

8  Sii.

9 Saltarello: cognitissimo ballo romano, che riscalda assai.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License