Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1170. Li duggenerumani

 

Noi, se sa,1 ar Monno2 semo ussciti fori
impastati de mmerda e dde monnezza.3
Er merito, er decoro e la grannezza
ttutta marcanzia4 de li Siggnori.

 

A su’ Eccellenza, a ssuMaestà, a ssuArtezza
fumi, patacche, titoli e sprennori;
e a nnoantri5 artiggiani e sservitori
er bastone, l’imbasto e la capezza.

 

Cristo creò le case e li palazzi
per prencipe, er marchese e ’r cavajjere,
e la terra pe nnoi facce de cazzi.

 

E cquanno morze6 in crosce, ebbe er penziere
de sparge,7 bbontà ssua, fra ttanti strazzi,8
pe cquelli er zangue e ppe nnoantri(5) er ziere.9

 

7 aprile 1834

 




1 Si sa.

2 Mondo.

3 Immondezza.

4 Mercanzia.

5 Noi altri.

6 Morì.

7 Spargere.

8 Strazi.

9 Siero.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License