Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1171. Er Maestro de l’urione1

 

Dimme2 cojjone a mmannà3 ppiú Ffilisce4
da quer zomaro llà dde don Nicola,
che mme l’ha ffatto addiventà un’alisce,5
e intanto m’arimane una bbestiola.

 

V’abbasti sta bbuggiarata sola
der zor maestro, che mmifijjo disce
che ccertantri6 regazzi de la scòla
lui l’ha mmessi a studià ssu le radisce.7

 

Ma cche ddiavolo, cristo!, sce s’impara
da ’na radisce, o rrossa, o nnera, o bbianca?
che ppizzica e ffa ffà8 la pisscia chiara.

 

Io me fo mmaravijja der Zovrano,
che mmanna9 a ffà la scòla un faccia-franca
nat’e ccreato pe mmorí ortolano.

 

7 aprile 1834

 




1 Rione. Ogni rione ha il suo maestro regionario, nominato dal Governo.

2 Dimmi.

3 Mandare.

4 Felice.

5 Me lo ha consumato.

6 Altri.

7 Radici. Vedi la nota al Sonetto... (Circa alla desinenza del plurale).

8 Fa fare.

9 Manda.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License