Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1172. La lezzione der padroncino

 

hanno messo er piú fijjo granniscello1


a la lingua itajjana. Oh ddi’, Bbastiano,
si2 nun ze chiama avé pperzo er cervello
d’imparà l’itajjano a un itajjano.

 

Lo sento sempre co un libbraccio in mano
: er fraggello, ar fraggello, cor fraggello,
der zovrano, er zovrano, dar zovrano:
e ’ggnisempre3 sta storia, poverello!

 

Sarà una bella cosa, e cquer che vvòi;
ma a mmé me pare a mmé cche ste parole
cquellistesse che ddiscémo4 noi.

 

Si ffussino indiffiscile5 uguarmente
come che llantri6 studi de le scòle,
io nu ne capirebbe7 un accidente.8

 

8 aprile 1834

 




1 Il figlio più grandicello.

2 Se.

3 Ogni sempre: sempre.

4 Diciamo.

5 Se fossero difficili. E qui notisi che nomi femminili che nel singolare escono in e, ritengono la medesima desinenza nel plurale, quasi che la naturale ideologia de’ Romaneschi temesse di cambiar sesso alle cose, dove accettasse la desinenza in i.

6 Gli altri.

7 Capirei.

8 Un accidente: equivale a «nulla».

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License