Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1186. La fijja dormijjona

 

Alegría, 1 cch’è ttardi: animo, fora.
T’arincressce d’arzatte2 eh? ttarincressce?
Vojjo propio vedé ssi ttariessce
de stà a lletto inzinent3 a vventunora.

 

Nun zei tu er gruggno de la siggnora
chi ddorme, bbella mia, nnun pijja pessce.4
Portronaccia, essce5 da quer letto essce:
di’ l’orazzione,6 vèstete,7 e llavora.

 

Guardate llí! nnemmanco la vergoggna!
stà8 a ccovà tuttaquanta la matina,
senz’arifrette9 a cquer che ciabbisoggna.10

 

Ma attacchetelar deto,11 Caterina;
ché ssi cce12 provi ppiú, bbrutta caroggna,
te fotto13 a ppan’e acqua ggiú in cantina.

 

9 aprile 1834

 




1 Sveltezza, su!

2 Alzarti.

3 Insino.

4 Proverbio.

5 Esci.

6 Orazioni.

7 Vèstiti.

8 Stare.

9 Riflettere.

10 Ci bisogna: a quel che bisogna.

11 Attàccatela al dito, vale: «sia questa l’ultima».

12 Ché se ci.

13 Ti caccio, ecc. È una delle consuete minacce delle buone madri alle loro cattive figliuole, che vogliono bene educare.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License