Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1193. Lo stroligo

 

Va’ in d’una strada, indove sce se fa
cquarche gran scavo in de la terra, e ttu
vederai che ggnisuno sa ppassà
si nun zaffaccia e ssi nun guarda ggiú.

 

Che conziste1 sta gran curiosità?
Nun è la terra ggiú ccome che ssú?
Cosa spera la ggente in quer guardà?
che sse scopri2 er burrò dde Bberzebbú?

 

Ma cquest’è ’r peggio ch’io nun zo ccapí,
che ssibbè3 nnun c’è un cazzo da vedé,
invetrischeno l’occhi, e stanno llí.

 

Er monno dunque è ppiú cojjon de
che mme ne sto su sta loggetta, e cqui
gguardo in celo le stelle e cquer che cc’è.

 

11 aprile 1834

 




1 In che consiste.

2 Si scopra.

3 Sebbene.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License