Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1196. L’iggnoranza de Mastr’Andrea

 

Quanto sete curiale1 mastr’Andrea!
Ma ppropio ve dich’io cche mme n’avete.2
Una scittà3 che cce commanna4 un Prete
cconfettà5 la nazzionaccia ebbrea?

 

Nu lo sapete voi de cos’è rrea?
Nu ne sete ar currente, nu ne sete?
Si ccertantichità nnu le sapete,
metteteve a sserví llabbate Fea.6

 

Nun ve sovviè dd’un certo tar7 Carvario,
e dde scertantri8 fatti c’aricconteno9
li quinisci misteri der rosario?

 

Studiate, mastr’Andrea: fate da omo;
e imparerete che l’Ebbrei sconteno
quello c’aveva d’accadé pper pomo.

 

11 aprile 1834

 




1 Curioso: modo di scherzo.

2 Me ne avete, cioè dello stolido.

3 Città.

4 Che ci comanda: dove comanda.

5 Può blandire.

6 Presidente delle Antichità di Roma.

7 Tal.

8 Cert’altri.

9 Che raccontano.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License