Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1198. Le fijje ozziose

 

Ecchele!1 sempre co le man’in mano!
Se le maggna l’accidia: le vedete?
Nun ze llavorà? ddunque leggete
quarche ccosa struttiva da cristiano.

 

Ciavéte tante favole! ciavete
l’istorie che vv’ha ddato don Ghitano
de le vergine doppie, che cquer prete
disce che ppropio è un libbro da Surtano.2

 

Vergine doppie, : cche cc’è da ride?
ddí cch’è un libbro cc’ha ggran robba drento,
sore bbrutte crestose3 cacanide.4

 

Ma ggià, vvojantre5 nun capite un zero.
Sbeffate tutto, sore teste ar vento,
e ste cose se troveno davero.

 

14 aprile 1834

 




1 Eccole.

2 Un libro prezioso.

3 Pettegolette.

4 Figlio caca-nido è l’ultimo nato. La nostra buona mamma ha qui tutte figlie ultime.

5 Voi altre.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License