Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1199. La visita de la SorAnna

 

SorAnna! e cche mmiracoli? E cchi è stato
che vve scià1 spinta? l’Angelo Custode?
Nun ze ne sa ppiú ppuzza!2 Eh, ggià, bbeato
chi vve vede e ffilisce chi vve gode.

 

Guardela! mejj’assai de l’an passato.
Tutte le sciafrerie... tutte le mode...
Oh vvoi potete ddavé ppescato
quela luscertoletta de ducode.3

 

Vecchia?! eh cche vecchia: vecchi li panni,
e nnò vvoi, che cchi ssa... cquarche bbamboccio
ggià a cquestora... Ch’edè?4 vvoi scinquantanni?!

 

Bbe’, e cquesto che vvor ? vvò ddí ccar monno
ggià vv’è ariusscito de votà un cartoccio,5
e mmó da bbravi pe vvotà er ziconno.6

 

14 aprile 1834

 




1 Vi ci ha.

2 Non se ne sa più nuova.

3 È costante credenza del popolo che il possessore di una lucerta di due code debba andar favorito da tutti i doni della sorte.

4 Cos’è?

5 Metafora tolta dalla numerazione delle monete, che soglionsi dividere in cartocci di 50 per cadauno.

6 Secondo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License