Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1202. Er Dottore somaro

 

 Córpa1 sua. E pperché llui nun ze2 spiega?
Pe cche rraggione l’antra sittimana
rispose ar mi’ discorzo in linguindiana
quanno me venne a vvisità in bottega?

 

Dico: «Diteme un po’, ssor dottor Bréga,
ffà mmale er cenà, cco la terzana?».
Disce: «Abbasta sii robba tutta sana,
tu ppòi puro3 scenà; cchi tte lo nega?».

 

Me maggnai dunque sano4 un paggnottone
casareccio, un zalame, ’na gallina,
’na casciotta, un cocommero e un melone.

 

Lui, cazzo, aveva da parlà itajjano,
e rrisponneme5 a mmé cquela matina:
maggna robba inzalubbra,6 e vvàcce7 piano.

 

15 aprile 1834

 




1 Colpa.

2 Si.

3 Pure.

4 La parola sano non può mai essere intesa dai Romaneschi che nel significato di «intiero».

5 Rispondermi.

6 Salubre.

7 Vàcci.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License