Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1206. Chi la tira, la strappa

 

Fatto Adamo padron de l’animali,
incominciò addrittura a arzà l’ariaccia.1


Nun zalutava, nun guardava in faccia...
come fussino2 llà ttutti stivali.

 

Nun c’erantro3 pe llui che ccan4 da caccia,
caval5 da sella, scampaggnate,6 ssciali,7
priscissione8 coll’archi trionfali,
musiche, e ccianerie9 pe la mojjaccia.10

 

E l’animali, a ttutte ste molestie,
de la nescessità, ccome noi dimo,11 fasceveno vertú, ppovere bbestie.

 

Nun ce fu ccher Zerpente, che, vvedute
tante tiranneríe, disse per primo:
« vve bbuggero io, creste futtute».

 

16 aprile 1834

 




1 Alzare l’ariaccia: levarsi in superbia.

2 Fossero.

3 Non c’era altro.

4 Cani.

5 Cavalli.

6 Diporti in campagna.

7 Gozzoviglie.

8 Processioni.

9 Foggie eleganti.

10 Mogliaccia.

11 Diciamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License