Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1212. Er capo de casa

 

Presto, a ccena, per dio, bbrutte marmotte,
ché ddomani è la Santa Concezzione.
Nu lo sapete, vacche bbuggiarone,
ch’entra er diggiuno e cc’è la mezzanotte?1

 

Ch’edè sto lavorà? Cche mme ne fotte2
si nun ze sarda3 er mese de piggione!4
Quer che mme preme a mmé è la riliggione,
e nnò un cazzo5 er pagà, ssore miggnotte.6

 

E ttu, ccaroggna, allevi le tu’ fijje,
Cristo sagrato, senza dajje mano7
a cconossce8 le feste e le viggijje?

 

Quanno che ssenti mentovà Mmaria,
disce la Santa Cchiesa a cchi è ccristiano,
nun dimannà ssi cche vviggijja sia.9

 

19 aprile 1834

 




1 Lo stesso scrupolo della mezzanotte sente in Roma il curiale che in quel giorno abbia tradito il suo cliente, l’usuraio che mediti la rovina di una famiglia, e il ladro che si disponga a forzar dopo la mezzanotte l’uscio del suo vicino.

2 Che importa a me, ecc.

3 Se non si salda.

4 La plebe suol pagare il fitto delle case a mesate, di modo che le corrisposte annue sono loro al tutto sconosciute.

5 E non affatto.

6 Signore bagasce.

7 Senza dar loro aiuto.

8 Conoscere.

9 Modo proverbiale della romana devozione.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License