Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1213. Lo spóso1 de Checca

Sonetti due

 

Senti, senti lo sposo che ppia2 Checca3
si4 ccome se la gode e sse la canta.
Nun dubbità ccazzecca bbene,5 azzecca!
Lui canta, e cquella sona, eh sora Santa?

 

Bbisoggna che l’acconcio,6 e tutta-quanta
la bbiancheria c’ha llei, nova de zecca,7
e ttantartra su’ robba-de-lottanta8
lui la credi piovuta da la Mecca.9

 

Ma ggià, un cardèo10 che sposa una puttana,
che ha da capí?11 Llui trova la paggnotta
bell’e ccotta e sfornata, e sse la sgrana.12

 

Bada però co sta sfornat’e ccotta,
sposino mio der tinche,13 ché cchi spana14
scerte grazzie de ddio15 spesso se16 scotta.

 

19 aprile 1834

 




1 Pronunz. con entrambe le o chiuse.

2 Piglia: sposa.

3 Francesca.

4 Se.

5 Capita bene.

6 Corredo di nozze.

7 Nuovissima, non mai tocca.

8 Roba dell’ottanta: roba magnifica.

9 La creda venuta dall’altro mondo, dal cielo.

10 Caldeo: baccellone.

11 Cosa.

12 Se la mangia.

13 Sposino mio da nulla.

14 Spana: mangia.

15 Certe specie di, ecc.

16 Si.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License