Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1214. Lo spóso de Checca

 

Che tte discevo io de quello sposo
ch’er giorn’avanti de pijjà una galla1


se credeva er piú omo furtunoso
pe la raggion de la paggnotta calla?

 

Bbe’, ll’hanno fatto ggià ttonno-de-palla;2
e affamato com’è, sporco e ccencioso,
si3 nnun dorme la notte a Ssanta Galla,4
manco ha una cuccia da pijjà rriposo.

 

La mojje intanto, quella porca zozza,5
co le mijjara de padron Cammillo
ride a le su’ miserie, e vva in carrozza.

 

E er Curato che ffa? Bbisoggna dillo:6
o è ’r re de li cojjoni, oppuro strozza;7
perché oggnanno bbattezza un codiscillo.8

 

19 aprile 1834

 




1 Civetta.

2 Lo han conciato pel delle feste.

3 Se.

4 Ospizio, di cui vedi il Sonetto...

5 Sozza.

6 Dirlo.

7 Strozza, in senso neutro: «lucra e tace».

8 Allorché parlasi di amori illeciti e fecondi si suoi dire che ci è nato il codicillo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License