Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

33. L’astrazzione

 

Tiràmese1a ppiú in , ché cquì la gujja1


ciarippara1b de vede er roffianello2...
Varda,2a varda, Grigorio, mi’ fratello
che s’è mmesso a intignà3 cco la patujja!

 

Mosca!4 Er pivetto arza la mano, intrujja5
mo in de le palle... Lesto, eh bberzitello.
Ecco ecco che lleggheno er cartello:
ch’edè?5a Ccinquantasei! senti che bbujja!6

 

Je la potessi , sangue de ddina!
Sor cazzo, vorticamo6a er bussolotto.
Ch’edè? Ttrenta! Ce ll’ho ddrento a l’ottina.

 

Diesci! ggnente: Sei! ggnente: Discidotto!
ggnente. Peddio! nemmanco stammatina?
Accidentacci a chi ha inventato er lotto.

 

20 agosto 1830 - De Peppe er tosto

 

 




1a Tiriamoci.

1 Obelisco di Monte Citorio.

1b Ci ripara.

2 Orfanello dell’Ospizio degli Orfani.

2a Guarda.

3 Ostinarsi in alterco.

4 Silenzio!

5 Rimescola.

5a Che c’è.

6 Buglia, bisbiglio.

6a Rivolgiamo.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License