Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1231. Le serpe

 

È ppropio vero, è ppropio vero, Santa,
ch’er monno s’è svortato. E nnu lo senti
che llui tira le bbòtte a li serpenti,
e l’archibbuscio suo nun je s’incanta?

 

Cent’anni fa... ma cche ccentanni!, ottanta...
dínne meno: quaranta, trenta, venti,
diescianni addietro, stommini imprudenti
staveno freschi! e mmó llui se n’avvanta.1

 

Una serpa, una lipera, un cerviotto,2
c’ammiravi o ppe tterra o ddrent’a un búscio,3
t’inciarmava4 la porvere de bbotto.5

 

E nnun c’erantro6 pe vvieninne7 a ffine
che ccaricà lo schioppo o llarchibbuscio
cor nome de Ggesú ssu le palline.

 

22 aprile 1834

 




1 Se ne vanta.

2 Serpe non venefica.

3 Buco.

4 Inciarmare: ammaliare. Lo charmer de’ Francesi.

5 Subito.

6 Non c’era altro.

7 Per venirne.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License