Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1240. Er tumurto

 

Ch’è stato? uh quanta ggente! E cch’è ssuccesso?
Guarda, guarda che ffolla ar Conzolato!1


Volémo cche cc’è cquarcammazzato?
, ssarà un ladro co li sbirri appresso.

 

èsse forzi2 che sse sii incenniato...
ma nnun ze vede fume. O ssii ’n ossesso?
Ah, nnemmanco, pe vvia c’ar temp’istesso
tutti guarden’in .3 Dunque ch’è stato?

 

S’arivòrteno4 ttutti a mman destra...
Vedi, arzeno le mane.5 Oh! ffussi un matto
che sse vojji bbuttà da la finestra!

 

Rideno!... Oh ccristo! je vienghi la rabbia!
nu lo vedi ch’edè?6 Ttutto er gran fatto
è un canario scappato da ’na gabbia.

 

24 aprile 1834

 




1 Via del Consolato.

2 Può essere forse.

3 Guardano in su.

4 Si rivoltano.

5 Alzano le mani.

6 Che è: cosa è.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License