Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText
Giuseppe Gioachino Belli
Sonetti romaneschi

IntraText CT - Lettura del testo

Precedente - Successivo

Clicca qui per nascondere i link alle concordanze

1244. Li reggni der Papa

 

È ttanto vero ch’er Papa è Mmonarca
fin de Ggerusalemme e cce commanna,
ch’io co storecchie ho inteso a Ppropaganna1


che llui sempre sce2 nomina er Padriarca.

 

«Dunque», disce,3 «perché nnun ce lo manna4
come manna li vescovi a la Marca?».
Perché cce li turchi e nnun cià5 bbarca
da fàllo straportà,6 ssora Susanna.

 

Anzi er Papa, sentitesce7 Don Zisto,
è ccapo urbisi e ttòrbisi,8 inzin dove
ccapi er PadrEterno e Ggesucristo.

 

V’abbasta, o vvabbisoggneno antre9 prove?
Tristo cului che sserra l’occhi! Tristo
chi nun capissce mai scinqu’e ttre nove!

 

26 aprile 1834

 




1 Propaganda-fide.

2 Ci.

3 Dice: «dicesi, alcuno dirà», e simili.

4 Non ce lo manda.

5 Non ci ha: non ha.

6 Da farlo trasportare.

7 Sentiteci.

8 Urbis et orbis.

9 Altre.

 

 






Precedente - Successivo

Indice | Parole: Alfabetica - Frequenza - Rovesciate - Lunghezza - Statistiche | Aiuto | Biblioteca IntraText

Best viewed with any browser at 800x600 or 768x1024 on Tablet PC
IntraText® (V89) - Some rights reserved by Èulogos SpA - 1996-2007. Content in this page is licensed under a Creative Commons License